maggio 2017

Come aggiornare Windows per proteggersi da WannaCry

Come fare per stabilire se la patch MS17-010 fosse presente sui propri sistemi Windows? E come si può installarla subito?

Microsoft continua ad aggiornare Windows XP dopo l’importante attacco hacker avvenuto a livello mondiale mediante il ransomware WannaCry. Seppure il sistema operativo non fosse più supportato, Microsoft, sta lavorando per non mettere in pericolo gli utenti che ancora lo utilizzano.

Read More

Attacco Informatico mediante Malware Wannacry!!!

L’esteso attacco informatico con “riscatto”

Il malware Wannacry diffuso via email ha tenuto in ostaggio i dati di 200mila di computer in tutto il mondo, causando disagi a ospedali, ministeri e aziende

Il 12 maggio migliaia di computer di tutto il mondo, tra cui alcuni usati da agenzie governative e dal sistema sanitario britannico, sono stati attaccati da un malware, un software che rende possibile controllare a distanza un dispositivo all’insaputa del suo proprietario. Secondo l’Europol l’attacco ha colpito più di 200mila persone in 150 paesi, tra cui Stati Uniti, India, Cina e Italia: i più colpiti sono stati Russia e Regno Unito. Il malware in questione è chiamato in gergo ransomware, cioè un programma che blocca l’accesso a un computer e offre al suo proprietario la restituzione dei propri dati in cambio di un riscatto: in questo caso gli autori dell’attacco, ancora sconosciuti, hanno chiesto 300 dollari (275 euro) da pagare con carta di credito o bitcoin per ciascun computer bloccato entro un certo periodo di tempo. Se non si paga (o anche se si paga, la cosa non è chiara), tutti i dati del computer vengono cancellati.

Read More

Cryptolocker sempre più aggressivo

Cryptolocker, il virus informatico sempre più aggressivo: nuova ondata di attacchi ai pc

Allarme virus Cryptolocker. L’allerta arriva dalla Polizia Postale che sulla sua pagina Facebook mette in guardia da una nuova ondata ancora più aggressiva di questo “batterio digitale” super resistente già noto. In queste ore infatti si sta assistendo sul web ad attacchi sempre più diffusi del virus che si insinua attraverso e-mail con allegati sospetti, con indicazioni ingannevoli su presunte spedizioni o riferimenti di istituti di credito, aziende, enti, gestori e fornitori di servizi. Se questi allegati vengono aperti, hanno un effetto pericolosissimo: possono infettare l’intero sistema ovvero rendere illeggibili e inservibili tutti i dati. A questo punto si realizza il ricatto dei criminali informatici che richiedono agli utenti, per riaprire i file e rientrare in possesso dei propri documenti, il pagamento di una somma di alcune centinaia di euro in bitcoin (una moneta virtuale) per poter ricevere via e-mail un programma per la decriptazione.

Read More